Lavanderie self service: perché avviare questo tipo di business

Gli usi e i costumi stanno cambiando, o meglio, sono già cambiati e con essi mutano anche le abitudini della maggior parte delle persone che, dovendo sfruttare al massimo il poco tempo a loro disposizione, optano per soluzioni rapide, veloci ed efficaci che, se in grado di portare dei benefici economici, sono davvero accette.

È questo il caso delle lavanderie self-service che, sempre più spesso, sorgono nei centri città, ma anche nelle zone di periferia e soddisfano clienti di qualsiasi età e con qualsiasi esigenza.

 

Cosa sono le lavanderie self service?

 

Le lavanderie self-service, note anche come lavanderie a gettoni, sono una vera e propria innovazione nel mondo del lavaggio della biancheria casalinga.

Se qualche anno fa era d’obbligo disporre di una lavatrice, con il passare del tempo, il must era poter avere anche un’asciugatrice domestica che permettesse di contenere i tempi di asciugatura della biancheria (soprattutto in occasione delle uggiose giornate di pioggia).

Il successivo passaggio evolutivo è stato ancora più importante: asciugatrice e lavatrice non sono più indispensabili all’interno di un’abitazione perché, il mercato, offre ottime soluzioni per lavare e asciugare i panni senza bisogno di spendere una fortuna o di ricorrere alla tradizionale lavanderia, lavasecco o pulitura.

La lavanderia self-service, infatti, permettono di partire da casa con il proprio borsone di biancheria sporca e di ritornare con indumenti perfettamente puliti e asciutti, senza dover spendere una cifra troppo esosa.

Il franchising bloomestlaundry.it ti permette di avviare una lavanderia a gettoni a prezzi davvero accessibili

 

Perché avviare questo tipo di business?

 

Oggi, molto più che in passato, la primaria necessità è quella di ottimizzare al massimo il tempo a disposizione, per questa ragione poter ricavarsi un lasso temporale non troppo lungo durante il quale la faccenda “biancheria sporca” viene rapidamente risolto, è davvero un toccasana per tantissime persone, indipendentemente dalla loro professione e dalla loro età.

Ne consegue che, avviare questa tipologia di attività imprenditoriale consente di intraprendere un lavoro che, dal punto di vista economico, non richiede un dispendio particolarmente oneroso, soprattutto se si sceglie di prendere a noleggio o in leasing l’attrezzatura necessaria.

Al contempo non è indispensabile la presenza fissa del personale all’interno del negozio, anche se è consigliabile che vi sia un presidio per supportare i clienti meno esperti nello svolgimento delle attività di lavaggio e asciugatura.

Sicuramente, la vera chiave di svolta per far funzionare questo tipo di attività commerciale è individuare la posizione più adatta per aprire una lavanderia self-service. Solo così, infatti, l’attività sarà in grado di fruttare un soddisfacente risultato economico.

A tal proposito, infatti, poter lavare biancheria di grande dimensione (come i piumini che risulterebbero impossibili da lavare in una consueta lavatrice domestica) e successivamente asciugarli in pochi minuti, evita di doversi recare in una tradizionale pulitura e affrontare una spesa che spesso non è delle più economiche.

 

I motivi del successo delle lavanderie self-service

 

Il principio della lavanderia self-service si basa, fondamentalmente, sulla possibilità di autogestirsi.

Tuttavia, affinché un’attività possa avere successo deve essere in grado di dimostrare la propria qualità.

Le lavanderie self-service per raggiungere la capillare diffusione che vantano oggi, hanno dovuto far riconoscere ai clienti la loro cura e la loro qualità, dotandosi di strumentazione professionale e prestando particolare attenzione alla pulizia e all’efficienza del servizio offerto.

Oggi, alle lavanderie a gettoni si riconoscono alti standard di igienizzazione e pulizia indispensabili affinché l’attività sia accreditata e possa rimanere aperta al pubblico.

Proprio su questi principi si fonda il grande successo che le lavanderie self-service stanno riscuotendo: ambienti puliti, contesti curati, macchinari sempre funzionanti e ben performanti, ma anche aree dedicate ai bimbi o piccoli scaffali con qualche libro o rivista.

Moltissime persone che utilizzano queste realtà per lavare i propri panni, considerano questa attività come un vero e proprio momento di relax o di condivisione.

Infatti, proprio mentre si attende che la lavatrice concluda il proprio lavaggio, si ha l’opportunità di conversare e socializzare con altri utenti oppure di dedicare del tempo a sé stessi leggendo un libro o ascoltando della musica…

Quando si dice unire l’utile al dilettevole!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *