Previsioni della quotazione Eni nel 2018

La società Eni nasce sotto forma di Ente Nazionale idrocarburi, nel 1992, viene trasformata in società per azioni.

La società è quotata in borsa, in particolare nel FTSE MIB, per quanto riguarda i fatturati dell’impresa, è tra le 90 aziende più quotate al mondo, si trova in circa 90 paesi, con più di 80 mila dipendenti al mondo.

 

Come si valutano le quotazioni Eni

 

Le quotazioni della società Eni devono tener conto di almeno due importanti fattori, innanzitutto essendo una società che opera a livello internazionale, con ramificazioni in molti Paesi del mondo, deve tenersi conto dell’economia internazionale.

Se il mercato và male in alcuni Paesi anche le azioni Eni saranno coinvolte, con minor fiducia da parte dei molti investitori, e dunque, minori fondi investiti nell’azienda.

Oltre al mercato internazionale, bisognerà anche tener conto del prezzo del petrolio che varia da Paese a Paese, se il prezzo di petrolio e gas subisce dei cali, anche le quotazioni nei mercati della società ne risentiranno.

Nonostante queste variabili la società permane sul mercato, resistendo bene a tutte le impennante dei prezzi e alle crisi momentanee, riprendendosi in poco tempo.

 

Le quotazioni delle aziende Eni

 

Se si raffigura graficamente l’andamento della società in borsa, il grafico che ne viene fuori è molto semplice e di facile lettura, l’andamento dell’Eni è stato molto lineare, per subire un calo solamente nel 2008 durante il periodi di grande crisi, ma già durante l’anno dopo nel 2009, si sono già visti i segni di una ripresa evidente tornando alle quotazioni del passato.

Essendo correlato col prezzo del greggio le azioni sono calate nuovamente nel 2016, per la crisi del prezzo del petrolio.

Nonostante questi problemi, i dividendi azionari sono rimasti pressoché inalterati, oscillando tra i 0,55 e 0,65 centesimi ad azione.

Si tratta di dividenti abbastanza alti e costanti nel tempo, che hanno risentito poco dei periodi di crisi.

 

Investire in Eni

 

Investire nelle aziende Eni è sicuramente un investimento al quanto sicuro, si tratta di un’azienda con una struttura molto solida.

Per investire in pacchetti classici bisogna tener conto che è necessario rivolgersi ad un esperto del settore, e preventivare che l’investimento sarà a medio lungo periodo, generalmente bisognerà aspettare dai 3 ai 5 anni per iniziare a vedere i primi frutti dell’investimento.

Inoltre in un’azienda di cosi’ grandi dimensioni l’investimento iniziale deve essere abbastanza elevato, con un capitale minimo di rischio proporzionato.

Chi invece desidera fare investimenti nel breve termine, è indirizzato verso il trading, una sorta di investimento di dimensioni inferiori, che consente nel breve periodo di ottenere soddisfazioni economiche dalle variazioni delle quotazioni sul mercato, influenzata dal prezzo del greggio e dal mercato internazionale.

Per fare trading ci sono diverse piattaforme online su cui iscriversi, alcune dedicate a broker meno esperti alle prime armi che possono seguire i passi dei broker più esperti, altre piattaforme invece hanno un rischio maggiore, con una quantità di titoli molto più elevata e più possibilità di investimento e guadagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *